Le Lettere di Manina, Nosy Be Novembre 2015

Cari Amici,

Sto in partenza per l’Italia!
Con quest’ultimo mese si è “ben”concluso l’anno 2015!

E’ terminata l’aula del Secondo Anno del Liceo di Cultura Generale nel villaggio di Ambondrona, !!! L’abbiamo inaugurata con lo “Zoro”, come d’abitudine, cioè con il sacrificio dello zebu. Alunni ed insegnanti hanno cucinato, su grossi pentoloni, 120 kg. di riso e la carne dello zebu e hanno mangiato insieme agli abitanti del villaggio. La festa cominciata alle 9 di mattina si è prolungata per tutto il pomeriggio. Una festa per tutti!

Abbiamo terminato anche le due aule nel Liceo tecnico, per la specializzazione del ….Turismo!! E il bello è che il corso è già cominciato! Quindi già tutto realizzato!! Quest’anno non si poteva concludere meglio di così!

Il cielo mi aiuta sempre ed io lo so, perciò vado avanti sicura e senza mai dubitare o preoccuparmi per il futuro. La mia strada è sempre bianca, luminosa, libera dai miei nemici, che vengono spazzati via, così che neanche li vedo!
Così il Ministero, dopo aver cominciato a pagare alcuni dei miei professori della scuola Primaria,in questo mese ha inviato, per ogni nostra scuola comunitaria Primaria, una somma di denaro proporzionata al numero degli allievi, per riparare le aule, i tetti, i banchi. Tutte cose che prima facevamo noi e che ci costavano tanto!
Inoltre il Ministero ha inviato le Cartelle, per ogni nostro allievo, fornite di quaderni, penne, matite e righello e le abbiamo distribuite con i vari direttori a tutti gli allievi, che sono stati felicissimi! Guardate le foto nel sito!

Vedete che significa non costruire le scuole private, (che rimangono a noi e con le quali si guadagna tanto), ma costruire le scuole”comunitarie” per lasciarle al popolo malgascio, con la “loro” organizzazione statale? Ora lo Stato si assume le sue responsabilità cominciando a pagare i professori, curando la manutenzione delle scuole e fornendo agli alunni anche il materiale scolastico! Ora la scuola pubblica funziona! Non finirò mai di dirlo, solo così si aiuta il Terzo mondo, dando un primo aiuto, lasciando al popolo la loro cultura, la loro organizzazione e la loro indipendenza.
Sapete perché non funziona l’Università pubblica ? (dove vanno i poveri), perché i professori fanno sempre sciopero per motivi di salario, chiedono sempre l’aumento di stipendio e intanto vanno ad insegnare nell’Università privata, costruita”gentilmente” da qualche Onlus dei Bianchi, che funziona perfettamente, grazie alla loro presenza. Così, anche chi non può, fa grandi sacrifici, e si trasferisce in quella privata, che costa tanto e dove i Bianchi guadagnano tanto, passando anche per dei “benefattori”, chiedendo contributi” per la loro “buona”opera!! E così, se vedete, si continuano a costruire università private in Madagascar! Opera benefica? Domandatevelo sinceramente!
Sapete perché non funziona l’Ospedale pubblico?
perché “gentilmente” un medico bianco costruisce una Clinica privata, che costa sempre tanto e dove si guadagna sempre tanto, (anche se facilmente si fa passare per un benefattore) e i medici dell’ospedale pubblico, pagati già dallo Stato, vanno ad operare nella Clinica privata, pagati profumatamente dal paziente (Succede anche da noi, dove il chirurgo consiglia il paziente di passare nella sua Clinica, per anticipare l’operazione e non aspettare settimane o mesi!) Ma qui, se non ci fosse la Clinica dei Bianchi, i medici resterebbero ad operare tranquillamente ed onestamente nei loro Ospedali.
Mi chiedo “Ma perché si costruiscono Università ed Ospedali privati, quando ci sono già i loro ospedali e le loro università? Posso capire nel mezzo della Giungla, dove manca tutto, ma qui, chi ci chiede di costruirli? Il ministero della Pubblica Istruzione? Il Ministero della Sanità? Certamente no! Alcuni risponderebbero che i “loro”, non sono dei buoni ospedali e lo stesso vale per le Università. E allora cosa facciamo noi per aiutarli? Costituiamo una Onlus, per chiedere contributi per costruirne di “perfetti”, in concorrenza ai loro! Grande aiuto!!?? O il vero aiuto piuttosto consisterebbe nel dare una mano, nel colmare le eventuali carenze, nel chiedere loro di cosa hanno bisogno, facendo così funzionare le loro strutture, con i loro professori e i loro medici, che sono così validi, che poi li prendiamo per le nostre strutture private! Riflettiamoci sopra! Ognuno con la propria coscienza!

Al villaggio di Ampombilava stiamo costruendo altre due classi. I bambini erano stretti come sardine e i professori non dicevano niente. Per loro è sempre tutto normale! Per fortuna ero andata lì quando sono venuti i dentisti francesi e avevo visto come stavano! Il villaggio è poverissimo, perciò si accontentano facilmente e già contenti di avere quattro classi, mai mi avevano chiesto di costruirne altre. Io non c’ero più passata perché la strada per arrivarci è terribile e se durante la notte ha piovuto, è impossibile arrivarci per tutto il fango che rimane per giorni e giorni. Ho stabilito inoltre con la direttrice di organizzare anche da loro la mensa scolastica, per assicurare almeno un pasto al giorno a quei poveri bambini! Vi sembrerà strano, ma dopo tanti anni, ancora rimango fortemente colpita dalla loro dignitosa povertà. I bambini erano tutti sorridenti, come tutti i bambini di qui, i professori insegnavano senza problemi, solo io provavo una forte tristezza ed ero avvilita nel vedere la scuola in mezzo a quel povero villaggio con le capanne cadenti. Non vedrò le nuove classi finite, ma partirò un po’ sollevata pensando che quei bambini potranno studiare in aule più grandi ed avere anche un pasto assicurato! L’importante è risolvere i problemi, come dico sempre!

Un’altra buona notizia è che Ismael è andato a Diego Suarez e un buon chirurgo ortopedico gli ha tolto i 7 ferri che aveva nella gamba, oramai da un anno! Così posso partire tranquilla (diciamo) !

VEDI LA GALLERIA

Vi saluto con un grande abbraccio!
Ci vediamo in Italia!
Manina

Per gli eventi, guardate sempre nel mio sito.”eventi e notizie”
Per ora è sicuro per il 19 dic ad Ercolano e per il 20 a Roma da Licia Colò. Potete vedermi a tv 2000 la domenica 20, nel programma Mondo insieme. Ce ne sono altri negli altri mesi.
Ciao!!

Le Lettere di Manina, Nosy be Agosto-Settembre-Ottobre 2015

Cari Amici,

ISTRUZIONE

L’anno scolastico della Scuola Primaria è finito il mese di Luglio e l’esame delle Superiori è  cominciato il 4 Agosto. Abbiamo avuto un ottimo risultato e, anche  per questi allievi, festa e distribuzione di quaderni e penne, dal momento che tutti, come al solito, vogliono continuare gli studi! Alla festa era presente anche lo Chef Cisco (il Capo della Circoscrizione Scolastica), che  si è congratulato con gli studenti e, per primo, ha cominciato la distribuzione dei doni, insieme ai professori e ai direttori.
Per fortuna, le aule del Primo Liceo, costruite l’anno scorso, una ad Ambondrona e l’altra ad Ampassindava sono belle grandi, visto il numero degli allievi che si sono iscritti. In questi due mesi, abbiamo costruito ancora due aule per il secondo anno del Liceo, uno a indirizzo letterario, l’altro a indirizzo  scientifico.
Per combinazione” stiamo costruendo anche due aule, nel Liceo Tecnico,una per il terzo anno e l’altra per…….. il “turismo”!! Il prossimo mese vi farò sapere! 

SANITA’

Abbiamo potuto curare i denti ai nostri Bambini!!
E’ venuta un’équipe francese di Digione, formata da cinque dentisti e due farmaciste, appartenente all’ONG,” Nomade médical” per la cura e l’estrazione di denti ai nostri allievi. Ha lavorato con loro anche un dentista locale, che aveva fatto da tramite per l’organizzazione.
Sono rimasti cinque giorni, spostandosi in tre villaggi diversi, dove c’erano le scuole con gli allievi più numerosi, supportati dai vari direttori, per la preparazione della sala e delle visite, 
e hanno curato più di mille bambini oltre a molti professori e a parecchi genitori. I dentisti sono stati veramente bravi, lavorando senza interruzione, con grande serietà e professionalità.
E’ stato veramente un grande aiuto per la popolazione.
Sono stata molto contenta anche perché, alla fine, mentre io li ringraziavo, 
loro si sono congratulati con me per l’educazione dei nostri bambini, ”Perché hanno sempre salutato prima con un “Bonjour” e poi con un “Merci” dopo l’estrazione! “
Dico sempre che i nostri Bambini sono speciali
!!

SPORT

Finalmente è finito il Campo di Basket nel nostro villaggio.
Quasi 5 mesi per la ricostruzione
, (l’avevo costruito nel 2005), adesso è tutto in cemento armato, con le tribune per gli spettatori, tutte le strisce regolamentari, e le porte anche per il calcetto e la pallavolo!
Sinceramente, c’è voluto tanto tempo e tanto denaro (molto più di quanto pensassi), ma n’è valsa la pena! I giovani erano tutti troppo felici e tutti mi hanno ringraziato, con tutto il cuore!
Nella mattinata del 4 ottobre, c’è stata l’ Inaugurazione del Campo con la presenza di tutte le Autorità e di tre rappresentanti degli Amici di Bologna-onlus, che hanno dato un contributo per la costruzione ed hanno distribuito completi da basket e palloni a due squadre. Poi tutti sulla terrazza del Turismo Solidale, per un cocktail!
Nel primo pomeriggio, un match di calcetto, a seguire quello di Hand Ball delle ragazze e infine il match di Basket, vinto dalla nostra equipe!! Ho approfittato per annunciare pubblicamente al nuovo Sindaco che, con un contratto scritto, regaleremo il Campo di Basket al Comune Urbano di Nosy Be, ma che la gestione rimarrà a noi, all’Associazione Afotsama, (paghiamo già un guardiano di giorno e uno di notte, per la pulizia e l’ordine) e che sarà gratuito per i giocatori. Ho spiegato al Sindaco che ho preso questa decisione, dopo aver visto  sempre vuoto il Campo di Basket della città.
In città, infatti, il Ministero del Turismo del Madagascar e il Palm Beach Hotel (Veratour) hanno costruito un bellissimo campo di Basket che hanno recintato con una bella e alta rete, ma spesso il campo è vuoto. Ho così saputo che, per pagare il guardiano, fanno pagare l’ingresso  ai giocatori. Bisogna pensare che quello che, a noi, sembra poco o niente, è invece sempre tanto per loro e così questo bel campo è sempre vuoto!  Spero che il Sindaco prenda provvedimenti  in merito!

TURISMO SOLIDALE 

Ci si affeziona al Turismo Solidale!!
Tante persone dell’anno scorso sono ancora tornate da noi, richiedendo gli stessi bungalows dell’anno precedente. “Vogliamo le stanze nel nostro solito bungalow orange”.
E’ bello rivedersi dopo un anno e sentire il piacere che le persone hanno nel trovarsi ancora qui! Grandi abbracci e grandi risate, accompagnati da un “ Hai visto che siamo ritornati?”
E’ bello rivedersi con chi, dopo aver organizzato un evento in Italia, aveva detto “ Tanto poi noi ci rivediamo sicuramente a Nosy Be!”
Ed eccoci tutti insieme veramente! Non erano solo parole!
E allora, sì, belle escursioni di mare e di terra, ma belle anche le visite alle scuole, con migliaia di bambini con i grembiulini rossi, seduti nei loro banchi, con i loro quaderni ordinatissimi e i loro visi sorridenti ed attenti, con la loro compostezza innata.
E così poi si sente “E’ stata una bella esperienza! “ e tante altre belle parole, perché chi “vede” diventa consapevole di questa realtà e nello stesso tempo si rende conto di come, con poco, si possa dare una mano per aiutarla.
E’ questa l’esperienza del turismo solidale!!

Cari Amici, vi abbraccio, scriverò ancora una lettera a novembre e poi….ci vedremo in Italia!

A presto!
Manina

Le Lettere di Manina, Giugno-Luglio 2015

Il 26  Giugno, ad Hell Ville, c’è stato il defilé  per la Festa nazionale dell’Indipendenza. Hanno sfilato tutte le scuole “Private e Statali”, poi le nostre “Comunitarie”…che non finivano più! Infatti, quest’anno abbiamo portato in città, più di 500 bambini. Hanno sfilato per primi i piccoli delle Materne, poi quelli delle Primarie, poi le Secondarie, Il Liceo tecnico, per la prima volta il Liceo di Cultura Generale, poi la Scuola di Agricoltura, infine lo Sport, i ragazzi hanno portato la COPPA vinta l’anno scorso!

Nel pomeriggio c’è stato il cocktail nella “Residence” del Prefetto, che  ogni anno vorrei evitare, anche se, alla fine, mi accorgo sempre che faccio bene ad andarci.  Con mia grande meraviglia infatti,  il Prefetto, quasi al termine del suo discorso ufficiale, ha ringraziato M.me Manina, che in tutti questi anni, ha contribuito a  fare uscire dalla povertà il Madagascar, non soltanto con le scuole, ma anche con tutto il suo aiuto umanitario, che tutti conosciamo….
Insomma ho fatto bene ad andarci…

L’ultimo giorno di scuola 17 luglio.
C’è stata la consegna delle pagelle, con una grande affluenza di genitori. Nella scuola di Ampassindava, le maestre delle scuole materne hanno preparato una piccola festa, e 300 bambini, che avevano in testa tanti cappellini di carta di tutti i colori , hanno cantato e danzato. Poi tutti, 1.400 alunni, sono entrati nelle proprie classi e i professori hanno distribuito le pagelle ai genitori.
Il 27 Luglio abbiamo avuto il risultato dell’esame di quinta elementare, che qui è molto selettivo: ben 186 dei nostri bambini l’hanno superato!! Il sabato abbiamo organizzato una festa, al turismo solidale, per gli allievi e per i professori! Dolci, bibite e premi!
Con mio grande piacere ho notato che “finalmente” i ragazzi di quinta elementare, avevano dai 10 ai 12 anni, al massimo! Quindi, hanno cominciato la scuola, a 6 anni, dopo i tre anni della Materna! Quando sono arrivata qui, e ho cominciato ad aprire le prime scuole, in prima elementare, s’iscrivevano ragazzi di 9, 10 anni, che non erano mai andati a scuola e quindi in 5.a elementare arrivavano ragazzi di 15 anni! Ma in questi 16 anni sono cambiate tante cose!!
Ora aspettiamo il risultato dell’esame finale delle Scuole Superiori, che  comincia il 4 Agosto. Vedremo! 

Al Liceo tecnico,  il 13 luglio c’è stato il test d’ingresso per quelli del  primo anno.  Si sono presentati 300 candidati e ne abbiamo ammessi 150 , cioè 50 per specializzazione.(elettr. Elettrotecn. Meccanica). Quest’anno abbiamo aumentato il numero, infatti,  i primi due anni ne abbiamo ammessi 30 per specializzazione. Se la provvidenza ci aiuta, l’anno venturo dovremmo aprire anche quella per il Turismo, ma questo significa che quest’anno, dobbiamo costruire altre due aule!! Senza contare gli altri 2 Licei di Cultura Generale, che dobbiamo costruire per continuare le due prime classi, che abbiamo aperto l’anno scorso! Vedremo!

I nostri alunni sono stati invitati da un’organizzazione francese ad uno spettacolo di teatro, portato avanti da ragazzi francesi. I nostri 150 alunni hanno assistito allo spettacolo con interesse e si sono divertiti specialmente a vedere i “costumi” del ‘700 che non avevano mai visto, i giochi di magia…

A Luglio ho avuto un riconoscimento inaspettato!

“IL Rotary Club Sassari Silki ha conferito alla Prof. Manina Consiglio
l’onorificenza “Paul Harris Fellow
”, con la seguente motivazione:
In segno di apprezzamento e riconoscenza per il suo tangibile e significativo apporto nel migliorare le condizioni di vita degli abitanti dell’isola di Nosy Be in Madagascar, oltre aver fondato più di 200 scuole comunitarie, garantendo istruzione gratuita a circa 13.000 bambini malgasci”! 

In Carcere, ci sono stati dei casi di “beri beri” per cui cinque detenuti non riuscivano a tenersi sulle gambe, ma li abbiamo ben curati e adesso stanno bene, per fortuna!
La verità è che di dovrebbe sempre andare “dentro”, quando si porta il riso  e il pesce etc etc, perché per “loro” è sempre tutto “normale”, per cui se non entri e guardi, non saprai mai come veramente stanno i detenuti. L’altra volta, per esempio, mancavano le stuoie a terra, alcuni detenuti quindi dormivano sul cemento (ed ora fa freddo, la notte) e così ho inviato subito un mio collaboratore al mercato a comprare 7 grandi stuoie. Io vado in carcere solo il sabato o il lunedì, gli altri giorni ci vanno i miei collaboratori, ma solo quando vado io, che entro nel cortile e visito le celle, e parlo con i detenuti,  accompagnata sempre dal direttore, e giriamo dappertutto, vengo a conoscenza dei vari problemi esistenti. Io mi dico sempre “ Chi vuole, va! Chi non vuolemanda!” Purtroppo non posso essere presente dappertutto, ma dovrei girare di più!

Negli ambulatori, come tutti gli anni, sono cominciate le circoncisioni. L’anno scorso arrivammo a trecento solo nel dispensario di Ampassindava, quest’anno vedremo!
Ci sono sempre tante persone tutte le mattine, che aspettano il loro turno per essere curate, medicate e di avere i medicinali, così che l’infermiera quest’anno, ha deciso di non fermare le visite, per fare le circoncisioni, ma di alternare le due cose. E’ stata una giusta decisione, perché, per esempio, l’altro giorno, è arrivato uno con una ferita in fronte e lei subito ha dovuto suturare la ferita ben profonda, poi ha continuato con i bambini. Va bene così!

Al turismo solidale, cerco sempre di migliorare le cose.

Nella foto potete vedere il nuovo bellissimo barbecue, per le nostre grigliate, delle serate malgasce! Luc, che prepara la grigliata, ha voluto il “ vero” cappello e il grembiule da cuoco, ed è tutto fiero e se lo mette tutti i giorni!
Le nostre stanze sono troppo carine, e tutti quelli che sono venuti, alla partenza, ci ringraziano e si complimentano (anche i francesi), con un “torneremo!
Ci sono anche nuovi disegni sui muri! .

VEDI LA GALLERIA

Le Lettere di Manina Maggio 2015

CARI AMICI,


Nel mese di Maggio, come ogni anno, a Nosy Be, è stato organizzato il Festival Donia, a cui partecipano tutti i cantanti dell’Oceano indiano. Gli organizzatori hanno richiesto la partecipazione di tutte le scuole, per aprire il festival con un defilè in città. I nostri allievi hanno sfilato con canti e danze, VEDI VIDEO , ben preparati dai professori e con delle scenette che mostravano la scuola Cechi Ciara, con la mensa solistica, l’ambulatorio. l’infermiera….. Alla fine…sono risultati i migliori e hanno vinto una bella coppa, che hanno portato a casa mia perché la vedessi!!
Un “bravo” ai Bambini di Manina!!

Le Lettere di Manina, Nosy Be aprile 2015

Cari Amici,

è tanto che non ci sentiamo! Vi ricordo infatti che vi scrivo solo quando sono a Nosy Be, per farvi sapere le “novità”di qui! Sono stata ben quattro mesi in Italia, invitata da tanti di Voi, per raccogliere fondi, girando da nord a sud, dalla Sicilia alla Sardegna! Ancora grazie!

E’ giusto un mese che sono arrivata a Nosy Be, ma mi sembra di esserci già da tanto!
La cosa più importante da dirvi è che i miei collaboratori “Sono cresciuti”!! Per la prima volta, ho trovato tutto in ordine”! Tutti i muri imbiancati, fiori ben curati in tutto il giardino, vernice su tutti i mobili di legno, sulle sedie, sulle porte e sulle finestre, i tetti delle classi rovinati dai cicloni, già rimpiazzati! Il turismo solidale perfetto, come se non fossi mai partita! Mi guardavano tutti fieri! Mi sono quasi commossa!
Sono arrivata pochi giorni prima di Pasqua, perciò ho visto i bambini per pochi minuti, giusto in tempo per un piccolo saluto, proprio l’ultimo giorno prima che iniziassero le vacanze, che sono durate 15 giorni! Sabato 4 Aprile, come tutti gli anni, pranzo per i vecchi e per i paraplegici, sempre presenti alcuni bambini, con musica, canti e danze.  (video in arrivo).

Sabato 11 aprile, festa ad Ampassindava, per i miei professori!

Il mio progetto sociale comincia a realizzarsi nel suo complesso: oltre a dare istruzione e sanità gratuita a 13.000 bambini, comincio a dare un lavoro sicuro e permanente anche ai professori! In questi giorni, 93 dei professori delle mie scuole sono stati assunti dallo Stato, alcuni cominciano ad essere sovvenzionati, altri sono diventati Funzionari di Stato!! Poi ci sarà una seconda ondata di assunzioni! Anche alla Grande Terre, dove abbiamo 100 scuole, 30 professori sono stati già sovvenzionati, poi vedremo il resto!! E’ un passo in avanti molto importante!  E così abbiamo fatto una grande festa! VEDI VIDEO

Ho sempre pensato che un piccolo aiuto momentaneo, serve, per carità, ma il “vero” aiuto al Terzo Mondo deve essere permanente, qualcosa che rimane per sempre. Se qualcuno ha fame, diamogli da mangiare, e così noi distribuiamo il riso agli indigenti, se qualcuno ha sete, diamogli da bere, e così noi abbiamo aperto i pozzi e le fontane, se qualcuno non ha vestiti, vestiamolo, così noi diamo i vestiti a chi non ce li ha, ma questo non basta! Dobbiamo lasciare qualcosa di concreto e duraturo. Se qualcuno vuole studiare, diamogli l’istruzione, e così noi abbiamo costruito scuole in tutti i villaggi. Ma mai scuole private italiane, le scuole sono “comunitarie”, gratuite e sono le “loro scuole” e sono costruite sul “loro terreno” e rimarranno per sempre a loro, sono scuole statali!Quante critiche dai residenti italiani e quante lotte da quelli che hanno le scuole private! Ma avevamo ragione noi! I professori che sono i “loro professori”, oggi, sono stati assunti dallo Stato, e avranno un futuro assicurato! Abbiamo raggiunto un grande traguardo! Mi sento di dover ringraziare tutti Voi che avete avuto fiducia in me, che per anni mi avete aiutato, permettendomi di realizzare tutto questo! Un grande abbraccio collettivo!! Grazie!!

Non vorrei sembrarvi polemica, ma anche per quanto riguarda la Sanità è la stessa cosa! Dobbiamo cominciare a capire quale sia il vero aiuto!! Arrivano organizzazioni, con tanto di personale, dalla Francia, dall’Italia, fanno visite mediche un giorno in un villaggio, un giorno in un altro, un terzo giorno in un’altra isola, ancora in due villaggi, con tanto di foto e video “ missione compiuta”! Poi si riparte!

Non voglio dire che non siano utili queste visite, ma…se qualcuno si ammala il giorno dopo? Chi c’è? Come si può essere soddisfatti di organizzare un viaggio all’anno di una settimana e pensare di aver fatto veramente del bene? Meglio poco che niente, direte voi! Io vi dico meglio niente di questo falso bene! Quanto è costato il viaggio per tutte queste persone? E l’alloggio e il mangiare? E quante persone sono state curate? Per quanto tempo? E’ stato veramente utile questo viaggio? Queste sono le domande da farsi onestamente!
Siamo nel 2015, e non stiamo nella giungla nera! Qui la gente si laurea, esistono i “loro medici” e i loro ospedali, lontano dagli ospedali ci sono i dispensari (anche noi ne abbiamo costruiti, “per loro”, tre nell’isola), degli ambulatori, con i loro medici ed infermieri, che non hanno bisogno di avere a fianco un interprete che traduca cosa dice il malato, ma rimangono sempre lì ! E il malato ha bisogno di medicine e cure continue e queste devono essere gratuite e la visita anche, altrimenti nessuno può curarsi!
Nei loro ospedali, non ci sono i materassi, compriamoli! Dai loro tetti cade la pioggia, rifacciamo i tetti! Nella chirurgia mancano gli strumenti, portiamoglieli! Questo è il vero aiuto! Non mi stancherò mai abbastanza di dirlo “aiutiamo il “loro” ospedale ad essere efficiente, è questo che rimarrà a loro, non costruiamo il “nostro” ospedale, che sarà sempre nostro! Aiutiamo i” loro medici”, diamo lavoro alle persone del luogo, lasciamogli la loro dignità, non facciamo venire i “nostri medici” volontari, così non li paghiamo neanche, e in più ci sentiamo tutti buoni!

Anche per quanto riguarda la sanità è questo che abbiamo fatto in questi anni: aiutato l’ospedale della città, costruito la stanza del chirurgo, riabilitato il gabinetto dentistico, costruite le toilette interne per fare le stanze individuali a pagamento, riabilitata la maternità, portata l’acqua al Dispensario pubblico della città, costruiti tre dispensari o ambulatori, pagando il loro medico o infermiere, pagando tutte le medicine….So che queste cose tanti di voi già le sanno, ma è giusto per ricordarvi la nostra coerenza nel dare un vero aiuto a questa popolazione!

Anche per quanto riguarda il carcere, è vero che portiamo da mangiare tutti i giorni, per ora è necessario perché possano mangiare, ma intanto stiamo facendo coltivare la terra ai detenuti, perché un domani possano essere indipendenti per l’alimentazione! Il nostro aiuto deve essere concreto e duraturo!

Non ho potuto fare le foto, perchè proibite, ma i detenuti, al mio arrivo, hanno letto una bellissima lettera tutta in rima, poi hanno cantato tutti insieme ringraziandomi e mi hanno regalato un copriletto tutto ricamato! Bellissimo e commovente!

Per quanto riguarda lo sport, stiamo costruendo 6 campi di Bocce e riabilitando completamente il campo di Basket. Spero di potervi inviare le foto il prossimo mese!

……RICORDATEVI IL 5 PER MILLE!! PER VOI E I VOSTRI AMICI!! E’ UN GRANDE AIUTO PER NOI!!

Vi abbraccio! Sempre Grazie! Manina

Newsletter

Resta sempre aggiornato.








    info@bambinidimanina.net

    +(39) 333 8655053

    Sede legale:
    Via Virgilio 38, 00193 Roma

    Aiutami a raccogliere fondi per intraprendere nuovi progetti di solidarietà e rendere più agevole il mantenimento delle attività esistenti, per partecipare ad iniziative di beneficenza già avviate. 

    Seguici anche su

    2022 – Associazione Onlus in Africa I Bambini di Manina del Madagascar

    Creato con amore da Brain Computing SpA