Scopri il mondo dei Bambini di Manina!

Manina, diventata un punto di riferimento per la popolazione del Madagascar, sarà presente oggi 1 aprile 2020 alle ore 19.00 presso la Trattoria-Pizzeria “FRESCO” in via Dante 16 a Milano. Durante l’evento Manina presenterà le sue attività relative all’ istruzione, assistenza sociale e turismo solidale attraverso un video esplicativo. Sarà un momento di incontro rivolto alla solidarietà e alla scoperta di un mondo che ha bisogno di noi.

I “Bambini buoni” di Manina

La professoressa Manina Consiglio sarà presente il 14 marzo alle ore 11.30 presso l’Aula Magna del Liceo Classico D.A. Azuni di Sassari insieme agli studenti del Liceo Classico Musicale e Coreutico D.A. Azuni.

Durante questo incontro i ragazzi avranno modo di conoscere i “TSAIKY TSARA”. Si pronuncia “cechi ciara” e in malgascio vuol dire “Bambini buoni” ed è il nome di tutte le scuole fondate da Manina. Bambini che non hanno accesso alle cure mediche, a pasti completi e salutari e alla formazione scolastica. Non abbandoniamoli, non abbandoniamo la speranza.
L’ ingresso sarà libero.

Le Lettere di Manina, Maggio – Agosto 2006

Rifacimento del tetto di 5 scuole.Alcune avevano il tetto vecchio da rifare, ma altre addirittura un buco nel tetto e la sera la pioggia bagnava i banchi, ma nessuno diceva niente. Qui tutto è normale! Cis problem!

50 banchi nuovi sostituiti nelle classi.Ho trovato bambini seduti, che scrivevano sulle ginocchia. Nessuna maestra si era preoccupata di avvertire i responsabili. Cis problem!

Aperto un pozzo e costruite due toilettes per la scuola di Ambondrona. Fatto 3 ponticelli per passare sul canale di acqua, che passa davanti alla scuola.

Riabilitazione totale del campo di Basket , il pavimento di cemento, con nuovi pali di sostegno per i cesti, più le panche per gli spettatori.A tra poco l’inaugurazione.

Elettricità al villaggio di Adampy. Erano anni che questo villaggio chiedeva l’elettricità. La Jirama (Enel) chiedeva centinaia di milioni. Mi sono accordata con una Vazha, che aveva già pagato la Jirama (ha voluto 2.000 euro da me) per permettere alla popolazione di collegarsi al suo palo della luce. La Jirama non ha potuto dire niente, perchè è così la legge di qua!! Un grande problema risolto!

Toilettes pubbliche : svuotate fosse settiche sia ad Dar es Salam che ad Ambatoloaka! Aperti vicino alle fosse settiche altridue puisard, ossia altri due pozzi perdenti.Speriamo così di aver risolto per un pò i problemi delle toilettes!!

Visita ai bambini con due oculiste francesi. Una settimana di visite. Appartengono al Rotary.Ora mi hanno scritto dalla Francia, stanno preparando gli occhiali. Torneranno a settembre con gli occhiali. Io nel frattempo continuo a dare gli occhiali da presbite ogni venerdì pomeriggio! (una cinquantina al giorno). Meno male che sono diventata veramente esperta. Le donne infilano l’ago e gli uomini leggono il giornale. Poi.un bellissimo sorriso: ci vedo chiaro!! (in malgascio logicamente!)

Comprato nuovo gruppo elettrogeno per il dispensario. Un nostro socio mi aveva dato in Italia 500 euro per comprare il gruppo. Detto fatto!

Distribuito il 10 maggio il riso a 160 famiglie. Come tutti i mesi abbiamo dato ad ogni indigente 10 chili di riso. Come vedete il numero aumenta sempre! Ma non sapete come sono magri!! E’ veramente una bella cosa pensare che per un po’, possono mangiare! Problema a noi sconosciuto.
Perciò ringrazio veramente ognuno di voi, che col suo contributo mi permette di continuare a fare del bene a questa povera gente!! Il mio affettuoso saluto a tutti voi.
La regina dei bambini,
Manina 

Le Lettere di Manina Nosy Be, 30 Agosto 2006

Carissimi Amici,

aggiornamento del mese di Agosto.
Nursery

Mi è stato ufficialmente concesso di adibire la Croix Rouge, ristrutturata lo scorso mese, a nursery. Così con grande gioia ho completatoi lavori!

Nella sala principale(m.8 per .4)ho fatto decorare (tra la meraviglia generale) le pareti interne con paperi, animaletti, fiori e palme…per creare un’atmosfera allegra per i bambini.
E’ stata allestita una sala interna per i bébé.: è stato creato un piano d’appoggio lungo le tre pareti per appoggiare i materassini dei bambini piccoli, sulla quarta parete è stato installato un grande lavabo per la pulizia dei bebé.
Sono già pronti 30 lettini in legno dipinti di azzurro, completati da graziose lenzuola colorate, gialle e celesti, per quando i più grandicelli(fino a due anni e mezzo), dovranno dormire e tre tavoli bassi (da 10 posti ciascuno), su cui potranno disegnare e mangiare.
Sono state sistemate stuoie a terra per i bambini che gattonano.E’ stata costruita un’ampia cucina per la mensa.
Ho già assunto due donne che lavoreranno nella nursery: due madri “nuove” da Hell Ville, venute da me per il latte che diamo ogni lunedì, ai bambini e in cerca di lavoro.(una ha due gemelli di 5 mesi). Entrambe mi hanno fatto un’ottima impressione per il particolare affetto dimostrato per i figli, ho così proposto loro di portare i piccoli alla nursery e di lavorarci. Non saranno così costrette ad allontanarsi dai piccoli e nello stesso tempo,lavorando, baderanno anche agli altri. Altre 3 donne che già lavoravano per la Croix Rouge conserveranno il loro posto di lavoro.

Riabilitazione carcere

Il procuratore del tribunale di Hell Ville mi ha chiesto tramite il mio capo villaggio se ero disposta ad aiutare i carcerati affetti dalla scabbia. (52 uomini)
Non ho potuto fare a meno di aiutare anche loro, visto che già ne curo tanti e vista la gravità della situazione.
Procuratami i medicinali adatti (sia le lozioni per il corpo chele compresse), saponi e stuoie nuove, accompagnata dalla Vice Procuratrice, sono entrata, dopo pochi giorni nel carcere.
Nel cortile mi aspettavano i 52 carcerati, tutti in fila e sull’attenti, e da un altro lato c’erano le donne, una decina.
La Vice ha detto cosa c’era negli scatoloni, poi mi ha ceduto la parola e così “in malgascio” ho spiegato che per eliminare la scabbia era importante l’igiene, perciò i saponi e le stuoie nuove su cui dormire, poi i medicinali. …poi…. un inaspettato scroscio di applausi ! Non me lo aspettavo!
Ho chiesto allora se avessero qualcosa da dire. Mi hanno così fatto scoprire che all’interno del carcere non c’era l’acqua. Le stesse guardie mi hanno mostrato nell’altro cortile dei vecchi lavatoi in cemento rotti e fuori uso.
Ho continuato la visita nel reparto delle donne, che mi hanno mostrato subito la sporcizia delle pareti, rese nere da anni di incuria. Ho visto che dormivano per terra, alcune su di una stuoia rotta, altre senza nulla edi fianco a una toilette maleodorante e mal funzionante…
Nell’uscire ho promesso loro che avrei fatto le riparazioni l’indomani stesso e ho chiesto se desiderassero ancora qualcosa. Mi hanno chiesto dello zucchero, spiegandomi che mangiavano solo la manioca, ma che senza zucchero era quanto mai acida.
Ho detto alla Vice, che in mattinata stessa avrei portato 10 sacchi di riso (da kg 50) e un sacco di kg25 di zucchero e che poi avrei continuato così ogni 8 del mese.
In una settimana, facendo lavorare gli stessi detenuti, pagati,(mi è venuta l’idea perché il mio responsabile dei lavori non trovava operai che volessero lavorare nel carcere), ho fatto riparare i lavatoi e poi rifatto l’impianto idraulico.
Abbiamo rifatto tutto in cemento: toilette, scalini, pavimento nel reparto donne,(a queste ho portato stuoie e materassi) e ho fatto imbiancare le pareti.
I lavatoi ora sono pieni d’acqua, il riso è distribuito ogni giorno e i carcerati mi hanno fatto su un foglio di quaderno un bel disegno, con 3 carcerati dietro le sbarre,sorridenti e dietro ci sono alcune righe di ringraziamento “da parte di tutti i carcerati”.

Corsi di aggiornamento per gli insegnanti

Durante tutto il mese di Agosto si sono tenuti i corsi di aggiornamento per gli insegnanti.
Sono organizzati dallo Stato per aggiornare i programmi delle varie classi primarie e durano in media una decina di giorni. Ho fatto partecipare tutti gli insegnanti delle nostre scuole(in tre scaglioni),organizzando il trasporto per raggiungere Hell Ville e i pasti, visto che lo stipendio di un insegnante non consente di affrontare tali spese.

Visite oculistiche
 

Proseguono le “mie” visite oculistiche e la consegna degli occhiali da presbite tutti i mercoledì, viste le continue richieste!

Lista degli indigenti

La lista degli indigentiè aumentata, viste le molteplici segnalazioni fatte dai capi villaggio. (Ora sono 180 ). Ed abbiamo aumentato anche il numero degli aventi diritto alla razione settimanale di latte (concentrato per i più piccoli e in polvere per i neonati).

Le scuole per l’anno scolastico 2006-07

Le scuole programmate per il nuovo anno scolastico che erano 35 sono, invece, diventate 45. Il che porterà il totale (per questo anno) al numero di 150. Poi vi farò sapere (stiamo ancora costruendole).

Acquisto di nuovi mezzi di trasporto

Proprio per le continue costruzioni e per il prezzo sempre più alto per il trasporto, non mi sono lasciata sfuggire l’occasione di un Fiorino(rosso e che ha già 2 paperi gialli enormi disegnati sul cofano) e di un Trattore(che sta già lavorando da mattina a sera).La nostra Associazione possiede ora 2 mezzi di trasporto nuovi!

A presto Carissimi Amici, un Grazie speciale da tutti i coloro a cui donate il vostro affettuoso sostegno, me per prima, con il quale tutte queste opere umanitarie possono essere realizzate.
Siete nel loro e mio cuore,

Manina.

 

Le Lettere di Manina, Nosy be 4 Luglio 2006

Carissimi Amici: aggiornamento mese di giugno.

Abbiamo cominciato con l’estrazione dei denti cariati ai bambini della scuola di Ambondrona, in collaborazione con i Lyons malgasci, come ogni anno.
E’ incredibile vedere come quei bambini, dai 3, 4, 5 anni della scuola materna fino ai più grandi di 8, 9 anni, si mettano lì in fila, tranquilli. Il medico chiede: “dove ti fa male?” e il piccolino, seduto, indica con il dito il dente. Il dottore osserva, poi prende l’iniezione preparata con l’anestesia, il piccolo resta con la bocca aperta per l’iniezione. Dopo alcuni minuti l’estrazione. Un dente o due (purtroppo ne hanno molti cariati per malnutrizione) finisce in un secchio. Il dottore gli mette un poco di ovatta in bocca. Il bambino tranquillo (nessuno ha mai pianto) si alza dalla sedia e va a prendere il suo paracetamolo o l’antinfammatorio, dipende, lo spazzolino ed i dentifricio, che ha come premio, e se ne va felice.

Giugno grande novità! In preparazione del 26 giugno, festa nazionale, infatti, con il fokontany (capovillaggio) abbiamo organizzato nel nostro villaggio per 3 giorni (23, 24 e 25 giugno.) incontri di calcio e di basket e nel tardo pomeriggio, serata musicale.
Finora tutti (chi poteva, cioè pochi) dovevano andare in città (Hell Ville) con il taxi, per assistere in piazza a canti e danze del posto.Questo anno invece, les equipes di calcio e di basket sono venute da tutti i villaggi vicini e da Hell Ville per giocare sui nostri campi, con la presenza di 4 arbitri ufficiali e la “sécurité” perchè tra le squadre c’erano anche quelle della Polizia e della Gendarmerie (che hanno perso).

Domenica 25 giugno In mattinata, inaugurazione della scuola di Ambondrona con le autorità che hanno assistito anche alla finale di calcio (vinta dalla nostra squadra).
Nel primo pomeriggio,finale di basket.(La nostra squadra ha perso, con due punti di scarto e con contestazione dell’arbitro che veniva da Hell Ville)
In serata, come nelle sere precedenti, un complesso musicale ha suonato su di un palco (preparato in fretta e furia 3 giorni prima) e premiazione delle squadre vincenti. Le squadre finaliste hanno ricevuto completi di calcio e palloni sia di calcio che di basket. La TV locale ha filmato il tutto.(v.foto)
(DA RIDERE O DA PIANGERE)Un ragazzo del mio villaggio aveva giocato a basket senza scarpe, con i soli calzettoni che chiaramente si sono bucati a metà partita (ieri gli ho dato un paio di scarpe nuove).
Nella partita di calcio invece, un ragazzo giocava con la scarpa destra e un altro con la sinistra (non ancora ho comprato le scarpe, ma presto lo farò).

Lunedì 26 giugno FESTA DELL’INDIPENDENZA NAZIONALE
A Hell Ville defilè dei nostri bambini. Anche questo anno più di 300 bambini Tsaiky Tsara hanno invaso le strade della città.

30 giugno: Distribuzione delle pagelle in tutte le scuole in presenza dei genitori. I premi sempre ai primi 3 più bravi e all’ultimo come consolazione.(v.foto)
Quest’anno per la prima volta con mia grande sorpresa, gli alunni con i genitori hanno portato dei doni per me, per ringraziarmi della possibilità che ho dato loro di andare a scuola gratuitamente. (Una donna aveva ben 6 figli nelle mie scuole)
Ho avuto così decine e decine di banane, papaye, uova, cocco, dolci fatti con banane fritte, ananas.(v. foto.)
Il 30 giugno risultato degli esami dei bambini di quinta elementare.
Per il secondo anno i nostri bambini hanno ottenuto il risultato migliore rispetto alle scuole private e alle scuole pubbliche!!!!!

COMMENTO (piccola confessione)
Di fronte alla fame che si soffre qui, alle malattie che si devono affrontare, dalla tubercolosi alla malaria, di fronte alla mancanza di scuole e di ospedali, non avevo mai dato importanza allo sport o alla musica.
Mi sono felicemente sorpresa nel vedere la felicità di quei ragazzi che giocavano a pallone e della gente che tifava intorno al campo.
La sera le donne con i piccoli al seno guardavano felici i bambini più grandi che danzavano davanti al palco e cantavano con i musicisti.

E’ bello vedere i bambini a scuola, è bello vedere i malati guarire, è bello vedere gli anziani ringiovanire, ma è altrettanto bello vedere questa povera gente ridere, battere le mani e danzare.
La sera, quando tutti cantavano e danzavano, mi sono commossa nel vedere quante persone erano felici lì, in quel momento, quella sera.
Un mio affettuoso saluto a tutti voi. 

LA REGINA DEI BAMBINI.

MANINA

Le Lettere di Manina Nosy Be, 4 Giugno 2006

è trascorso un mese dal mio rientro dall’Italia. Siamo stati quasi sempre senza corrente, il mio gruppo elettrogeno l’ho trovato rotto e ancora lo devono aggiustare. Quindi dalle 17,30 con i lumi a petrolio o le candele, di conseguenza anche senza acqua, perchè chiaramente il motore, che la porta in casa, senza corrente non può funzionare! Speriamo che la situazione cambi! Comunque ho lavorato!
Vi aggiorno sul lavoro svolto in questo mese.

Rifacimento del tetto di 5 scuole.Alcune avevano il tetto vecchio da rifare, ma altre addirittura un buco nel tetto e la sera la pioggia bagnava i banchi, ma nessuno diceva niente. Qui tutto è normale! Cis problem!
50 banchi nuovi sostituiti nelle classi.Ho trovato bambini seduti, che scrivevano sulle ginocchia. Nessuna maestra si era preoccupata di avvertire i responsabili. Cis problem!

Aperto un pozzo e costruite due toilettes per la scuola di Ambondrona. Fatto 3 ponticelli per passare sul canale di acqua, che passa davanti alla scuola.
Riabilitazione totale del campo di Basket , il pavimento di cemento, con nuovi pali di sostegno per i cesti, più le panche per gli spettatori. A tra poco l’inaugurazione.
Elettricità al villaggio di Adampy. Erano anni che questo villaggio chiedeva l’elettricità. La Jirama (Enel) chiedeva centinaia di milioni. Mi sono accordata con una Vazha, che aveva già pagato la Jirama (ha voluto 2.000 euro da me) per permettere alla popolazione di collegarsi al suo palo della luce. La Jirama non ha potuto dire niente, perchè è così la legge di qua!! Un grande problema risolto!
Toilettes pubbliche : svuotate fosse settiche sia ad Dar es Salam che ad Ambatoloaka! Aperti vicino alle fosse settiche altri due puisard, ossia altri due pozzi perdenti.

Speriamo così di aver risolto per un pò i problemi delle toilettes!!
Visita ai bambini con due oculiste francesi. Una settimana di visite. Appartengono al Rotary. Ora mi hanno scritto dalla Francia, stanno preparando gli occhiali. Torneranno a settembre con gli occhiali. Io nel frattempo continuo a dare gli occhiali da presbite ogni venerdì pomeriggio!(una cinquantina al giorno). Meno male che sono diventata veramente esperta. Le donne infilano l’ago e gli uomini leggono il giornale. Poi.un bellissimo sorriso: ci vedo chiaro!! (in malgascio logicamente!)

Comprato nuovo gruppo elettrogeno per il dispensario. Un nostro socio mi aveva dato in Italia 500 euro per comprare il gruppo. Detto fatto!
Distribuito il 10 maggio il riso a 160 famiglie. Come tutti i mesi abbiamo dato ad ogni indigente 10 chili di riso. Come vedete il numero aumenta sempre! Ma non sapete come sono magri!! E’ veramente una bella cosa pensare che per un pò, possono mangiare! Problema a noi sconosciuto.
Perciò ringrazio veramente ognuno di voi, che col suo contributo mi permette di continuare a fare del bene a questa povera gente!!
Il mio affettuoso saluto a tutti voi.
La regina dei bambini. Manina

COME AIUTARE L’ASSOCIAZIONE:

  • libera donazione
  • quota annuale (Euro 100)

Al San Paolo Banco di Napoli ag.11. Via dei Mille.n.20, Napoli 80121
ccn.1000/3230. (ABI 01010. CAB.03411. CIN.K) intestato a “I BAMBINI DI MANINA DEL MADAGASCAR”
Specificando il vostro nome, cognome e indirizzo, in modo da darmi la possibilitá di ringraziarvi di persona e di farvi inviare il tesserino.
Il mio affettuoso saluto a tutti voi.
LA REGINA DEI BAMBINI
MANINA

Le Lettere di Manina Nosy Be, Ottobre 2005

Carissimi amici,

vi ricordo che é giusto un anno che é nata l’Associazione:
“I BAMBINI DI MANINA DEL MADAGASCAR”
Vi riassumo e vi aggiorno sulla situazione.

PER QUANTO ATTIENE ALL’ISTRUZIONE SCOLASTICA

Le scuole sono diventate 100 e accolgono ormai circa 6.000 bambini! Ci lavorano 120 persone. 19 scuole, tra materne ed elementari, sono sulla Grande Terre.
Le scuole “Tsaiky Tsara” (pron. Cechi ciara”), cioé “bambini buoni”, sono le uniche a cui tutti i bambini possono accedere, perché non si paga né l’iscrizione, né la retta scolastica e tutto il materiale didattico viene fornito gratuitamente. Sono state registrate ed autorizzate dalla Circoscrizione scolastica, come scuole “comunitarie”, cioé costruite ed organizzate dalla comunitá, dal villaggio. Sorgono quasi tutte su terreno demaniale, seguono il programma nazionale, perció sono dei Malgasci e resteranno ai Malgasci.(anche se tutti sanno che sono io a costruirle e a pagare i prof etc etc)
Quest’anno scolastico 2005- 2006, lo Stato malgascio ha preso “en charge” 22 professori delle scuole “Cechi Ciara”, cioé lo Stato pagherá 22 professori delle nostre scuole!! E’ un grande riconoscimento ed é una cosa molto importante, perché é quanto mi sono sempre augurata per il futuro: che lo Stato avrebbe assorbito un poco alla volta le nostre scuole “comunitarie”, per aiutare la gente del villaggio. E’ solo l’inizio!
I nostri bambini della quinta elementare (primo anno di esame) sono risultati i migliori, come percentuale di promossi, (quasi il 100\100), poi quelli della scuola pubblica e poi quelli della privata! 22 sono andati alle Scuole Superiori Pubbliche e per agevolare le famiglie (che avrebbero dovuto pagare una forte iscrizione), mi sono accordata col Direttore e siamo noi a pagare un professore per tutto l’anno.

Ho aperto un CORSO DI ELETTRICISTA.
 

Il Corso durerá un anno. Il professore é bravissimo. C’é la parte teorica (Disegno elettr.,elettrotecnica, tecnologia,). e quella pratica (istallazioni elettriche.) Abbiamo fermato le iscrizioni a 24 alunni,(che vengono un pó da tutta l’isola con la bicicletta.) Gli alunni devono essere forniti del diploma di scuola elementare.

LA MAISON DE REPOS

Sette anziani hanno trovato un alloggio sicuro, un letto e un pasto assicurato tutti i giorni. Una donna si occupa della pulizia della casa, della cucina e della biancheria
Mangiando e dormendo bene, sono ringiovaniti e sempre allegri. Quando vengono da me, mi chiedo “ma dove sono i miei vecchi?”

LISTA DEGLI INDIGENTI

Le famiglie a cui diamo il riso ogni mese sono diventate 155.
Il 10 di ogni mese, ogni indigente (in genere é un anziano, o una donna sola con molti bambini) riceve 10 chili di riso. In quell’occasione approfitto per dar loro anche qualche capo di abbigliamento. Non dimenticate che a Nosy Be, famosa isola turistica, c’é ancora chi muore di fame! Cerco di salvare chi posso.
Quest’anno, d’accordo col Comune, ogni indigente avrá un tesserino(li stiamo riempendo), col quale potrá essere ricoverato all’ ospedale della cittá e curato senza pagare le spese.E´un grande passo in avanti!

LA SITUAZIONE SANITARIA

Il nostro ambulatorio- dispensario visita in media 70 persone al giorno. La visita costa 20cent di euro e i medicinali sono gratuiti. Vengono da tutta l’isola. Le medicazioni e le iniezioni non si pagano. Gli indigenti, i bambini cechi ciara e le maestre hanno un carnet

Le Lettere di Manina Nosy Be, 24 Maggio 2005

Carissimi soci,

E’ trascorso giusto un mese dal mio ritorno a Nosy-Be.
Per quanto avessi lasciato tutto ben organizzato, c’è stato subito tantissimo da fare:
facendo il giro delle scuole ho trovato molte recinzioni cadute o “scomparse” (il legno era stato usato per cucinare); anche le nuove toilettes pubbliche, che avevo lasciato finite e, pensavo, perfettamente funzionanti, mi hanno dato molto lavoro: per quella a Dar er Salam si è dovuto aggiungere un nuovo pozzo perdente, mentre quella di Ambatoloaka ha richiesto l’installazione di uno “chateau d’eau” perchè l’acqua del pozzo non era sufficiente e soltanto oggi abbiamo messo in funzione il motore.
Sono anche andata alla Gran Terre per controllare le 4 scuole di Ambanja: non vi descrivo la strada dissestata che ho dovuto percorrere, un vero “Camel Trophy” (quasi 3 ore per fare meno di 50Km).
Indescrivibile anche lo stato delle scuole, perciò ho deciso di costruirne delle nuove; nel frattempo altri 4 villaggi, abitati da gente veramente povera, hanno richiesto una scuola materna per i loro piccoli.
Inoltre qui a Dar er Salam ho iniziato a far pulire un terreno (che era ridotto a discarica a cielo aperto) perchè i ragazzi mi avevano richiesto un campo da basket; ho preso così due piccioni con una fava: ho ripulito e bonificato un luogo fetido vicino alla scuola ed ho dato ai ragazzi la possibilità di praticare uno sport.
Il giorno dieci, come tutti i mesi, c’è stata la distribuzione del riso agli indigenti, di cui peraltro è aumentato il numero: ora siamo a quota 110 famiglie! Molti anche i malati a cui ho garantito il ricovero in ospedale e le operazioni necessarie; anche questi costi sono notevolmente aumentati.
Prima del mio arrivo una donna che doveva partorire ha atteso per 3 giorni che le praticassero il parto cesareo (rischiando di morire sia lei che il piccolo) perchè il medico si rifiutava di operarla se non veniva pagato in anticipo; per fortuna sono arrivata in tempo, ho pagato l’operazione . ed ora mamma e bambino stanno bene.
In vista della fine dell’anno scolastico, la settimana scorsa è stato fatto un pre-esame per le quinte elementari tra tutte le scuole dei tre villaggi (Dar er Salam, Ambatoloaka e Madiro Kely). Gli alunni delle nostre scuole “Tsaiky tsara” sono risultati i migliori: 8 tra i primi 10 e 18 tra i primi 20!!!
Questi scolari così meritevoli sono stati premiati, ciascuno con due camicie nuove: tutti felicissimi!
Il 26 giugno, festa nazionale dell’indipendenza del Madagascar, i nostri allievi parteciperanno alla sfilata che si terrà a Hell-Ville: per questa occasione speciale sto facendo preparare nuove bluse rosse e blu (che poi naturalmente i bambini indosseranno tutti i giorni per frequentare la scuola).
Vi do appuntamento al prossimo aggiornamento (fra circa tre mesi).
Vi ringrazio per quanto avete fatto finora e vi ricordo come aiutare l’associazione:

    • libera donazione
    • quota annuale (Euro 100)

al San Paolo Banco di Napoli ag 11 . Via dei Mille. n.20, Napoli 80121
ccn.1000/3230. (ABI 01010. CAB 03411 CIN.K)
intestato a “I Bambini di Manina del Madagascar”
Il mio affettuoso saluto a tutti voi.
Manina

Le Lettere di Manina Nosy Be, 10 Febbraio 2005

Carissimi soci,

sono passati tre mesi dall’ultimo aggiornamento e l’Associazione “I BAMBINI DI MANINA DEL MADAGASCAR” . continua il suo lavoro.
Vi aggiorno brevemente sulla situazione.

A fine Dicembre c’è stata l’inaugurazione della biblioteca pubblica ad “ADAMPY”sulla strada del cratere. Ci sono centinaia di libri in lingua francese, dai libri per bambini, con favole e immagini a quelli per gli adulti, enciclopedie… ci sono romanzi e libri di scuola, di grammatica francese e di matematica, scienze, storia e geografia, per elementari e per liceo. La biblioteca è aperta il mercoledì pomeriggio, il venerdì pomeriggio e il sabato tutta la giornata. L’utente che prende il libro deve portare una carta di riconoscimento, gli allievi scrivono da quale scuola e classe provengono, e firmano. Il libro va restituito dopo una settimana. Finora abbiamo una cinquantina di utenti provenienti da tutta l’isola e da tutte le scuole. Anche dalla città e dalle scuole private (di frati e suore), perché è l’unica biblioteca dell’isola aperta al pubblico e gratuita.
A Gennaio ho iniziato i lavori per le toilettes pubbliche. La necessità di toilettes mi era apparsa evidente appena arrivata a Nosy Be, ma poi ho cominciato a fare le scuole… ora sono contentissima di aver ripreso questo discorso.
A Febbraio c’è stata l’inaugurazione delle toilettes, con l’intervento del sottoprefetto, del sindaco e del deputato.
Sono due corpi di toilettes, uno a Dar es Salam, l’altro ad Ambatoloaka. Ci sono 4 gabinetti alla turca, una doccia e un lavabo, per ogni corpo.

La scuola “TSAIKI TSARA” ha ricevuto quest’anno il tableau d’honneur.

Per decreto del 24 agosto del presidente della repubblica sono stata nominata “CHEVALIER” de l’Ordre Nationale de la Republique de Madagascar
E’ un riconoscimento molto importante, che viene dato molto raramente agli stranieri.
Il resto delle attività riguardanti l’istruzione scolastica, l’assistenza sanitaria e sociale proseguono ininterrottamente.
Vi ringrazio per quanto avete fatto finora e vi ricordo come aiutare l’associazione:

    • libera donazione
    • quota annuale (Euro 100)

al San Paolo Banco di Napoli ag 11 . Via dei Mille. n.20, Napoli 80121
ccn.1000/3230. (ABI 01010. CAB 03411 CIN.K)
intestato a “I Bambini di Manina del Madagascar”
Riceverete un tesserino e sarete aggiornati sulle attività dell’associazione.
Vi saluto affettuosamente.
MANINA

 

Le Lettere di Manina Nosy Be , 10 Novembre 2004

Carissimi soci,

Sono passati 3 mesi dalla nascita dell’associazione “Bambini di MANINA del MADAGSCAR”

Vi aggiorno brevemente sulla situazione.
Per quanto attiene all’istruzione scolastica le scuole da 40 sono diventate 70, in 34 villaggi e accolgono ormai 4.500 bambini. Ci lavorano 80 persone.
Per la prima volta la scuole”Tsaiky Tsara” (pron. Cechi ciara = bambini buoni) è presente anche sulla Grande Terra, con 7 scuole (2 a Nosy Faly, 4 ad Ambanja, 1 a Nomakia-Majunga).
Le richieste infatti sono venute anche da là, dove il grosso problema era quello dei villaggi attraversati da corsi d’acqua infestati dai coccodrilli! Adesso hanno una scuola loro! Non c’è più pericolo per il bambini!
Nella casa degli anziani sono 7 le persone che hanno trovato un alloggio sicuro, un letto e un pasto assicuirato tutti i giorni.
Le famiglie a cui diami il riso ogni mese sono diventate 105.
Mi volevo fermare a 100, ma sono venuti vecchi, magri, con la pelle rinsecchita, appena la forza di camminare, e, come dice qualcuno di voi, non ho saputo dire di no! Sinceramente, vi dico fin d’ora, che il giorno in cui aumenteranno in numero di soci, aumentero’ in numero di famiglie, perche qui, nel 2004, ogni giorno con enorme tristezza constato che c’è gente che non ha la possibilità di mangiare!
Sono 5 i paraplegici a cui ho dato la sedia a rotelle.
A tre pago la casa, Julien, che è stato il primo assistito, ha anche un accompagnatore che mangia con lui e lo assiste tutti i giorni.
Per quanto riguarda la situazione sanitaria, il dispensario visita 80 persone al giorno.
La visita costa 2000 fgm (circa 20 cent. di euro ) e non si pagano i medicinali. Vengono da tutta l’isola. Tutti i bambini “Cechi ciara”, cosi’ come le maestre, hanno un carnet col timbro della scuola e non pagano neanche la visita.
Vi ringrazio per quanto avete fatto e vi ricordo come aiutare l’associazione:

Libera donazione
Quota annua (€100 )
al San Paolo Banco di Napoli ag 00111. Via dei mille n°20,Napoli 80121
ccn.1000/3230.(ABI 01010. CAB 03411 CIN.K )
intestato a “Bambini di Manina del Madagascar”

Riceverete un tesserino e sarete aggiornati sulle attività dell’associazione.
Vi saluto affettuosamente.
Manina